Oggi è venuto a mancare Ray Bradbury, scrittore versatile(ha trattato più generi) e sceneggiatore cinematografico.

Bradbury ha innovato la fantascienza e scritto dei veri e propri capolavori, tra cui non si può fare a meno di ricordare Fahrenheit 451, un romanzo distopico che non può non essere considerato anche un elogio alla lettura.
Fahreneit è uno dei miei libri preferiti, lo lessi con molto piacere durante l’estate tra il primo e il secondo anno di liceo, come compito per le vacanze(fu la stessa estate in cui mi innamorai di “1984” di Orwell).
Non posso fare a meno di ricordare con altrettanto piacere, un omaggio disneyano all’opera(quando ancora non conoscevo il romanzo) denominato Papercelsius 154, una storia uscita su Topolino n. 2156(ovviamente la buon vecchia wiki mi è venuta in soccorso) dove a essere bandita era la musica per volere del solito Zio Paperone che proprio a causa della musica era stato derubato.

Penso proprio non ci sia altro da dire.

R.i.p. Ray!

Il link di wikipedia su Ray Bradbury:
qui