Case editrici


Oggi scrivo per parlare di una questione che ha attirato molto la mia attenzione negli ultimi mesi
Si tratta della “richiesta di contributo mascherata”.
Attenzione! Non è il nome di uno strano giustiziere della notte!
Molti scrittori esordienti sembrano accettarle perché non lo considerano un vero e proprio contributo(anche perché a volte è di qualche centinaio d’euro solamente), ritengono che dopotutto una spesa del genere non sia esosa e quindi mettono mano al portafoglio.
A mio modesto parere si tratta comunque d’editoria a pagamento.
Ora vediamo quali possono essere queste richieste di contributo particolari:

– l’autore deve pagare l’impaginazione
– l’autore deve pagare l’editing
– l’autore deve pagare la registrazione siae
– l’autore deve pagare l’isbn
– l’autore deve pagare la correzione bozze

L’elenco potrebbe non finire mai, perché alcuni editori a pagamentosi appellano davvero a qualsiasi cosa pur di fare richieste economiche all’autore.

Tutti questi servizi – se l’editore crede in voi – devono essere di competenza della casa editrice.
Ho letto di una casa editrice che ha chiesto 2500 euro a un autore che voleva pubblicare per fare l’editing del suo romanzo. Scherziamo?

Questo tipo d’editoria a pagamento mascherata per me è anche peggiore di quella che ti chiede di comprare delle copie. Perché perlomeno economicamente parlando, vendendo le copie uno può rientrare delle spese, se ho pagato per l’impaginazione come rientro?

Naturalmente ribadisco che per me ogni tipo d’editoria a pagamento(acquisto copie, contributo editing ed altro) è deprecabile.

Ricordate che pubblicare non è un obbligo, a tutti piacerebbe vedere il proprio nome su una copertina, ma non sempre è possibile(fatta eccezione se pagate, alcuni editori a pagamento hanno inviato contratti di pubblicazione anche ad autori di manoscritti tarocchi!)
Piuttosto che pagare un editore a pagamento è meglio distribuire gratuitamente il proprio libro in formato digitale(o comunque con un prezzo basso) o pubblicarlo con uno dei tanti print on demand che affollano il web.

Anche una richiesta di 200 euro per una registrazione siae o una correzione bozze per me è editoria a pagamento e quando un editore mi proporrà una cosa del genere avrà sempre il mio rifiuto(cosa già
successa). Spero che qualora capitasse a voi, la risposta sia la stessa!

Mai pagare per pubblicare!

La Sogno Edizioni ha aperto la propria libreria, dove si potranno trovare ovviamente tutti i loro libri in catalogo, ma non solo.
Un vasto assortimento di piccola, media e grande editoria, con una sezione anche dedicata allo sport con un occhio di riguardo alla nautica(siamo a Genova!).
Tra i libri ovviamente trovate anche “Nero n.9” e l’antologia che ho curato “Nerinchiostro” che è appena uscita.

In più c’è anche una sezione per i più piccoli, per fare in modo che si avvicinino sin da subito alla lettura e alle attività creative.

Insomma una tappa obbligata per chi si trovasse da quelle parti!
In bocca al lupo a Stefano e Lucia per questa loro nuova attività!
Massimo

P.s. la libreria si trova in Via Pionieri e Aviatori d’Italia a Genova Sestri Ponente, vicino al Goods Restaurant

Sul blog Noir Italiano
clicca qui

Potete leggere un’intervista al sottoscritto a opera di Omar Gatti, si parla di Orbite Nere, la nuova collana per romanzi brevi noir/gialli/horror e pulp della Sogno Edizioni.

Date un’occhiata!

Massimo

Posto oggi una breve intervista a Stefano Bossotto, titolare della Sogno Edizioni.
Si parla di Nerinchiostro e appunto della casa editrice.

Perché è nata la Sogno edizioni?
La Sogno Edizioni è nata nel 2009 con l’intento di aiutare gli autori di talento a non soccombere, sia ai grandi nomi sia alle EAP.

Quali caratteristiche deve avere un testo per essere pubblicato dalla Sogno Edizioni?
Non ci sono caratteristiche specifiche, di sicuro deve essere scritto bene, deve avere una storia coinvolgente, emozionante e scorrevole.

Quali sono gli ultimi libri che avete pubblicato?
Le ultime pubblicazioni risalgono a giugno 2011 e sono: un romanzo Tecno-fantasy dal titolo “Il fantasma di Idalca” di Vlad Sandrini e un giallo/thriller dal titolo “Il fuoco nell’anima” di Gianpiero Possieri.

Verso quali attività promozionali incanalate le vostre forze?
Partecipare alle fiere è, al momento, il canale più proficuo per far conosce gli autori. Inoltre, puntiamo sulle presentazioni, sulle interviste e sulle recensioni.

Dopo il concorso “Piano piano lo finiamo”, ora avete aperto la selezione “Nerinchiostro” per la vostra prima antologia. Come mai questa scelta?
L’idea di creare un’antologia nacque nel 2010 durante l’evento di Nettuno. Riunire validi scritti in un unico testo ci sembrava una bella idea. Ad attuarla, Massimo Jr D’Auria, bravo scrittore e valutatore, del quale nutriamo profonda stima e fiducia.

Sin dall’apertura della selezione avete reso pubblico il contratto di edizione che verrà sottoposto agli autori selezionati. Come mai questa scelta?
Nella definizione della casa editrice diciamo sempre che vogliamo dare agli autori la trasparenza, è giusto che i partecipanti al concorso sappiano a cosa vanno incontro.

Tirando le somme, a quasi due anni dalla nascita, vi ritenete soddisfatti del lavoro fatto fino ad adesso? Avete avuto particolari soddisfazioni?
Direi proprio di sì, non è stato sempre facile, ma ci siamo presi le nostre soddisfazioni. Ad esempio, una delle ultime risale a venerdì scorso. Abbiamo ricevuto una mail da un ragazzo al quale, domenica 23 al Pisa Book Festival, avevamo consigliato “Il fuoco nell’anima” perché appassionato di romanzi giallo/thriller, nella sua mail ci faceva i complimenti per l’ottimo libro pubblicato. Ovviamente la soddisfazione è soprattutto dell’autore al quale lo abbiamo detto subito. Sapere di aver regalato dei momenti piacevoli a un lettore con i nostri romanzi significa che siamo sulla strada giusta.

Un’intervista interessante per conosce un po’ meglio questa piccola realtà in crescita.

Un saluto!

Vi segnalo un’importantissima iniziativa targata Writer’s Magazine e Mondadori. Un’opportunità che gli scrittori dei generi sottoelencati non dovrebbero farsi sfuggire.

Ecco a voi il testo di tale iniziativa

La Writers Magazine Italia, in collaborazione con le collane da edicola Mondadori (Gialli, Urania e Segretissimo), bandisce una iniziativa a cui possono partecipare gli abbonati della WMI e gli acquirenti delle collane Mondadori.

L’iniziativa
Lo staff della WMI è stato incaricato di selezionare racconti da pubblicare sulle prestigiose testate I Gialli Mondadori, Urania e Segretissimo. La selezione avverrà secondo le modalità descritte dal regolamento che segue. I racconti selezionati saranno pubblicati in appendice ai romanzi delle collane Mondadori, e titoli e autori dei racconti saranno messi in evidenza sulle quarte di copertina dei volumi che li conterranno.
Non si tratta di un premio, quindi non ci sarà la nomina di vincitori. Semplicemente, i racconti che la redazione della WMI riterrà pubblicabili saranno passati alla Mondadori, che li inserirà nei romanzi di prossima pubblicazione.
Un’opportunità assolutamente unica per tutti gli autori che frequentano la Writers Magazine Italia.

Chi può partecipare
Possono partecipare a queste selezioni solo gli abbonati alla Writers Magazine Italia (con abbonamento in corso di validità nel momento dell’invio delle opere) e gli acquirenti delle collane da edicola Mondadori, purché nel rispetto del regolamento pubblicato di seguito. Non sono richieste tasse di lettura e ogni autore potrà mandare quanti racconti desidera, per tutti i generi letterari di riferimento. Avvertiamo che data l’importanza dell’iniziativa e la destinazione di prestigio delle opere da pubblicare, saranno scelti solo racconti di grande qualità da presentare a Mondadori.

Il regolamento
– L’iniziativa WMI-Mondadori avrà inizio a partire dal 14 novembre 2011. Da questa data sarà possibile inviare i propri racconti per la valutazione.

– Si può partecipare esclusivamente con racconti dei seguenti generi letterari, riferiti a specifiche collane Mondadori:
1) Racconti gialli, thriller e noir per Il Giallo Mondadori
2) Racconti di spionaggio, combact e action per Segretissimo
3) Racconti di fantascienza, horror e fantasy per Urania

– Lunghezza racconti: le opere devono avere lunghezze comprese fra 20.000 e 30.000 battute (spazi vuoti compresi). Non sono ammesse deroghe.

– I racconti devono essere stampati su carta e inviati al seguente indirizzo:

SELEZIONE RACCONTI WMI-MONDADORI
c/o Redazione Category 4° piano Torre Nord
Arnoldo Mondadori Editore
Via Mondadori 1
20090 Segrate MI

– Nella busta, insieme al racconto, bisogna inserire:
1) Dichiarazione di proprietà e inedicità dell’opera
2) Nome autore, titolo, indirizzo ed email di riferimento (da riportare nell’intestazione del racconto)
3) Per ogni racconto inviato, bisogna inserire nella busta, dopo averlo ritagliato, il Certificato di Partecipazione (CdP) che si può trovare nelle ultime pagine di tutti i volumi in edicola di Urania, Segretissimo e I Gialli Mondadori a partire dai fascicoli in vendita dal mese di novembre. Valgono solo gli originali. Se nella busta vengono inseriti più racconti, per ognuno di essi occorre che ci sia un certificato in originale.
4) Numero di abbonamento alla WMI, che deve essere in corso di validità nel momento in cui si spedisce il racconto per la selezione.

– La redazione avvertirà esclusivamente gli autori selezionati e comunicherà su quale fascicolo delle collane Mondadori sarà pubblicato il loro racconto. La stessa comunicazione sarà resa pubblica sul forum della WMI.

– Non saranno fatti elenchi di esclusi, né saranno date spiegazioni per le opere non accettate. Il tempo medio per capire se un proprio racconto (o più racconti in una singola busta) è stato scartato e quindi provare a rimandare qualcos’altro, è di 20 giorni dal momento dell’invio del racconto (o dei racconti) in redazione.

– La partecipazione a questa selezione comporta la piena adesione ai termini del regolamento. Non sono concesse deroghe di alcun tipo.

I commenti sul forum della WMI
– Gli autori che lo desiderano possono inserire sul forum della WMI, nella sezione apposita intitolata GRANDE INIZIATIVA WMI-MONDADORI, l’incipit dei loro racconti, per un massimo di 1000 battute.

– Tutti i frequentatori del forum potranno commentare e discutere le opere postate.

Non si tratta di un concorso, quindi non ci sono tempistiche(limiti entro cui mandare le opere e cose simili). Si tratta di una grande iniziativa che potrà giovare a molti scrittori esordienti.

Spero di avervi fatto cosa gradita!
Un saluto.

Vi segnalo qui la nuova iniziativa della Sogno Edizioni, che sul forum club degli scrittori, darà alcune dritte per gli aspiranti scrittori che vogliono mandare alla loro casa editrice, e non solo, i propri manoscritti, in modo da non mettere, come spesso capita, il piede in fallo.

Ecco il link, dove potrete leggere i vari consigli:
clicca qui

Spero che possa essere utile agli eventuali lettori.

Un saluto,
Massimo

il volantino dell'evento
Vi segnalo una presentazione che riguarderà la casa editrice Sogno Edizioni, ricordo che pubblica senza richiesta di contributo.

La presentazione si terrà a Sesto San Giovanni, sabato 13 marzo dalle 17,30, presso la libreria “Diffusione cultura” situata in via Oslava, 23.

Verranno presentate la casa editrice e le prime pubblicazioni(naturalmente anche la mia).
Saranno presenti anche alcuni autori(purtroppo non io, che non potrò esserci).

Spero che qualcuno di voi, faccia una capatina.

Saluti,
Massimo

Pagina successiva »