Sono qui con un nuovo bando di concorso molto interessante, ecco a voi le specifiche:

. Il Premio consiste nella pubblicazione con regolare Accordo di Edizione(durata tre anni, prima edizione di 1000 copie, riconoscimento dei diritti d’autore in misura del 10%) dell\’Opera vincitrice, a complete spese e cura di Edizioni Miele, oltre che a cinquanta copie dell’Opera e alla Targa del Premio.

2. Sono ammessi: fiabe e favole, raccolta di fiabe che, attraverso una ricca simbologia accedano all\’inconscio del lettore e trasmettano messaggi di alto valore morale e spirituale. La lunghezza minima dei testi richiesta è di 30 cartelle dattiloscritte A4 in Word con carattere dimensione 12, pari a ca. 1800 battute per cartella. Non è fissato un limite massimo alla lunghezza dei testi.

3. Le Opere, rigorosamente inedite ed in lingua italiana dovranno essere inviate per Rccomandata alla Segreteria del Premio, c/o Barbara Miele, casella postale 58, 73034 Gagliano del Capo (Le), in una sola copia dattiloscritta su carta, accompagnata dai dati anagrafici dell’Autore e da una dichiarazione che attesti la paternità dell’Opera.

4. Il termine d’invio è fssato al 31 marzo 2009. Farà fede il timbro postale.

5. Ogni Autore ha facoltà di partecipare al Premio con più Opere.

6. Non è prevista tassa di lettura. La segreteria del Premio non è responsabile in caso di smarrimento dei dattiloscritti che verranno restituiti, se richiesto, a complete spese degli Autori.

7. La commissione di lettura, composta da giornalisti, scrittori, editori e da un’esperta in psicologia e simbologia delle fiabe, ha facoltà di premiare più Opere e di evidenziarne altre, particolarmente meritevoli, proponendone la pubblicazione.

8. L’esito del Premio verrà comunicato alla Stampa e per posta a tutti i partecipanti, nonché sul sito internet di Edizioni Miele, in una sezione dedicata al Premio.

9. Informativa sulla privacy. In relazione agli articoli del D.Lg. N. 196/2003 e successive modifiche, i dati personali e identificativi saranno uilizzati esclusivamente ai fini del concorso e non verranno comunicati né diffusi a Terzi.

10. La partecipazione al Premio sottintende la completaaccetazione del presente regolamento.

11. Ulteriori informazioni all\’indirizzo e-mail edizionimiele@alice.it

Un premio decisamente interessante, non credete?

Molte volte, leggendo i bandi dei concorsi vi è una limitazione espressa in cartelle(ad esempio: lunghezza massima 3 cartelle, 4 cartelle e cosi via).

Ma cosa sono queste cartelle?

Bisogna premettere che vi sono due tipi di cartella:

La Cartella editoriale: composta da 1800 battute, suddivise in 30 righe; ogni riga, 60 battute;

la Cartella commerciale: composta da 1500 battute, suddivise in 25 righe; ogni riga, 60 battute.

Il più delle volte la richiesta riguarda la cartella editoria, ma raramente si potrebbero trovare concorsi che richiedono cartelle commerciali o cartelle da 2000 caratteri.

Per chi non sapesse come contare i caratteri su Word, ecco una breve ed esplicativa guida.

Bisogna premettere che nel conteggio caratteri, vengono contati anche gli spazi ed i segni di interpunzione. Dopo aver aperto word ed aver scritto il nostro racconto/romanzo/altro bisogna contare appunto le battute,il modus operandi è presto detto, basta andare nella parte inferiore sinistra di word ove vi è la scritta parole(cerchiata nello screen)
cartelle

Dopodiché si dovrebbe aprire una finestrella del genere.

cartella

Il parametro da tenere in considerazione è quello cerchiato, in base al numero indicato, si saprà il numero di caratteri che compone il brano, e quindi dopo una facile divisione: il numero di cartelle.

Spero che la guida sia stata utile ed esaustiva

Per quanto come concorso, anche se non so fino a che punto possa definirsi un vero e proprio concorso, non rientri esattamente nelle mie corde, penso sia giusto segnalarlo(tanto non partecipo, quindi non ledo i miei interessi):

__________________________________________________________________________________________

L’amore ai tempi del telefonino:

Ti ha corteggiata con un sms? Ti ha lasciato in 160 caratteri? Ti ha conquistato con le faccine?
Se galeotto fu il telefonino, se la notte non dormi aspettando un suo messaggino, se di giorno guardi mille volte il display aspettando che si illumini, se interrompi una conversazione quando il cellulare suona, se gli mandi 200 sms al giorno, se sul suo telefonino hai beccato un messaggino sospetto… beh, è ora di scrivere.
Per partecipare basta scrivere un RACCONTO inedito che non superi le 5 cartelle (ogni cartella è composta da 1800 caratteri corrisponde, circa, a una pagina word di 30 righe di 60 battute ciascuna; formato OpenOffice o doc – non docx) e spedirlo, completo dei dati dell’autore, a 9muse@9muse.net entro il 31 marzo 2009.

Gli autori selezionati saranno inseriti nella nostra raccolta di racconti e saranno avvisati via email.

Le pubblicazioni non comportano la richiesta di contributi a carico dell’autore, né l’obbligo di acquisto di copie.

__________________________________________________________________________________________

Per maggiori informazioni sulla casa editrice(sul concorso ho scritto tutto) vi rimando al loro sito: http://www.9muse.net/

Ho terminato il mio compito,

saluti.

Salve,

questa dovrebbe essere una sorta di presentazione o presunta tale, non potevo esimermi dallo scrivere qualcosa per darvi il benvenuto nell’ennesimo blog.

Mi chiamo Massimo e sono un aspirante scribacchino, in questo blog l’argomento principale sarà la letteratura, si parlerà di scrittura e lettura, con particolare attenzione a tutto il mondo dell’editoria italiana, con annessi concorsi et similia.

Vi saranno varie sezioni, e cercherò di aggiornarle per quanto possibile, senza occupare inutilamente lo spazio che wordpress mi offre, così gentilmente. Sicuramente qualcuno storcerà il naso, sapendo della nascita di un nuovo blog letterario(o presunto tale), ma io amo infastidire la gente, e quindi è proprio quello il mio obiettivo.

Ho scritto anche troppo, vi saluto augurandovi una buona giornata ed una buona permanenza nel blog.

Massimo